L'evoluzione del cambio DSG

I nomi delle marce non sono comunemente conosciuti dal grande pubblico. Nomi come Multitronic o Durashift sono usati nelle officine, ma probabilmente non significano nulla per i non appassionati di auto. Un tipo di cambio un po' più conosciuto potrebbe essere il DSG del gruppo VAG. Volkswagen non è stata inattiva nello sviluppo di questo tipo di cambio. Abbiamo assistito all'evoluzione del cambio automatico a doppia frizione di Volkswagen.

Prima generazione DSG

Il primo DSG è stato prodotto nel 2003, il DSG6 DQ250. Quattro anni dopo, fu aggiunta una variante a 7 marce, il DSG7 DQ200. Come ci si può aspettare dai nuovi sviluppi tecnologici, i DSG hanno avuto alcuni problemi iniziali e complicazioni nell'applicazione delle singole unità. Per esempio, il DSG7 poteva essere installato solo su motori che producevano una coppia massima di 250 Nm. VAG ha dovuto richiamare diverse unità in tutto il mondo per riparare problemi al cambio. Nel caso del DQ200 e DQ250, secondo varie fonti, si trattava di 1,6 milioni di unità in totale! E ancora oggi ci si imbatte in problemi con questi cambi.

DSG 7 DQ200 (0AM)

Quali sono le differenze tra un DSG6 e un DSG7

DQ500 il successore della DQ200

Volkswagen naturalmente non è rimasta a dormire. Grazie alla competenza delle prime generazioni di DSG, Volkswagen è stata in grado di eliminare sempre più difetti nei cambi. Non è quindi sorprendente che solo tre anni dopo l'introduzione del DQ200, sia stata introdotta una nuova variante a 7 marce, il DQ500. Questa unità è stata montata, per esempio, sulla Volkswagen Passat B8, Transport T5 e T6, Tiguan 5N e Audi Q3. È stato installato nei veicoli un po' più grandi e non senza una valida ragione. Il """"vecchio"""" DSG7 poteva essere utilizzato solo in combinazione con motori che producevano una coppia massima di 250Nm mentre il DQ500 può essere utilizzato fino a un massimo di 600Nm. Più del doppio della coppia! Questo significava che il DSG poteva ora essere usato anche sui motori 2.0 e 2.5 litri, mentre le versioni precedenti potevano essere usate solo sui motori diesel 1.2 TSI e 1.6 litri. Anche il numero di guasti era diminuito significativamente. Da un punto di vista tecnico, la principale differenza tra il DQ200 e il DQ500 è che quest'ultimo utilizza una cosiddetta """"frizione a bagno d'olio"""". Una tecnica che è stata utilizzata fin dalla prima generazione del DSG6. Ciò significa che i dischi della frizione sono fisicamente nell'olio per la lubrificazione.

DQ380 / DQ381

Il DQ500 era perfetto? No, assolutamente no. Di questi tempi in cui la riduzione delle emissioni di CO2 è una delle questioni più importanti nell'industria automobilistica, rendere le auto più leggere è una priorità assoluta per i produttori. Ogni chilo conta. Volkswagen ha continuato a sviluppare il DQ500 e ha costituito la base per il DQ380 DSG, introdotto nel 2015. È 4,2 chili più leggero del suo predecessore. Inoltre, la dimensione del cambio è stata ridotta. Questa è un'altra versione a 7 marce che utilizza una frizione a bagno d'olio. Il DQ380 (0DE) è meno conosciuto, perché questo cambio è stato sviluppato appositamente per il mercato cinese. È usato nella Volkswagen Golf GTI e nella Volkswagen Magotan (la versione cinese della Passat). Con un carico massimo di 420Nm, questo DQ380 può gestire una coppia inferiore al DQ500.

La versione europea è arrivata nel 2017, che ora conosciamo come DQ381 (0GC). La differenza più significativa tra le due versioni è che il DQ380 è disponibile solo per le auto a trazione anteriore, mentre il DQ381 è disponibile per entrambi i modelli a trazione anteriore (DQ381-7A) e a trazione integrale (DQ381-7F). Dal 2017, il DQ381 è stato utilizzato principalmente nei modelli VAG che vengono costruiti sulla piattaforma MQB e utilizzano il noto blocco 2.0 litri TSI. Esempi noti sono la Volkswagen Golf 7 GTI, Volkswagen Arteon, Volkswagen Tiguan e Audi S3.

DSG a sette marce, il nuovo standard

La stragrande maggioranza dei DSG attualmente in produzione ha sette marce. Ci sono però delle eccezioni. Per esempio, il DQ250 """"DSG6 originale"""" è stato ulteriormente sviluppato nel DQ400e. Questo sviluppo permette di essere utilizzato in modelli ibridi come la Volkswagen Golf GTE, Volkswagen Passat GTE e Skoda Superb IV. Inoltre, Volkswagen ha fatto un test per sviluppare un DSG con 10 (!) marce. Questo progetto, chiamato DQ511, sarebbe dovuto essere un ulteriore sviluppo del DQ500. Volkswagen ha introdotto questo modello con grande orgoglio nel 2013, ma pochi anni dopo il progetto è stato cancellato.

L'idea di più marce non è affatto strana. Una delle maggiori critiche al DSG6 originale era che i cambi di marcia non erano molto fluidi. Le differenze tra le marce erano troppo grandi, e ciò causava una guida a scatti. La marcia in più ha risolto questo problema. Più marce possono anche garantire che il processo di cambio possa funzionare in modo più efficiente, il che può far risparmiare carburante. Queste sono le ragioni principali per cui Volkswagen attualmente produce quasi solo DSG a 7 marce.

DSG trasversale contro longitudinale

Le parole sembrano molto complicate, ma la differenza tra i due è il modo in cui il motore/cambio è legato alla posizione del veicolo. I motori/riduttori trasversali (o 'Quer', quindi 'DQ') sono montati perpendicolarmente alla direzione di marcia, mentre quelli longitudinali (quindi 'DL') sono allineati. Dopo il successo del DSG6 DQ250 utilizzato nell'Audi A3 e nell'Audi TT, Audi ha voluto applicare il DSG anche ai suoi motori longitudinali. I tecnici Audi sono tornati al tavolo di progettazione e nel 2009 hanno introdotto il loro primo e proprio S-Tronic DSG: il DL501 (0B5). Con fino a 550Nm di coppia che questo DSG può gestire, potrebbe essere usato nelle grandi Audi come la A4, A5, A6 e Q5. Dopo sei anni, Audi ha iniziato la produzione del cambio longitudinale DSG di nuova generazione nel 2015: il DL382 che può gestire 400Nm e il DL382 che può anche gestirne 500Nm. Il DSG è sempre più comune nella gamma VAG!

Per coloro che pensano che il cambio DSG può essere utilizzato solo nelle auto comuni si sbaglia. Dal 2015, il cambio estremo DL800 a 7 marce è stato utilizzato nella Lamborghini Huracán e Audi R8. Volkswagen probabilmente non se lo aspettava quando ha introdotto il DSG nel 2003!

Le TCU più revisionate